Sotto la pioggia nella Venezia verde e misteriosa

//Sotto la pioggia nella Venezia verde e misteriosa

Sotto la pioggia nella Venezia verde e misteriosa

Sabato 23 novembre l’escursione a Venezia “Scorci di natura e cultura fra campi, calli, canali e giardini” sembrava essere nata sotto un brutto segno e purtroppo le previsioni meteo non si sono smentite: vento, pioggia e acqua alta. Nel Nord-Europa c’è un detto “Non esiste brutto tempo, semmai un abbigliamento sbagliato”.
Questo motto l’hanno fatto proprio i nostri temerari e avventurosi ospiti, fra i quali una bimba di 8 anni (complimenti!), che attrezzati con stivali e ombrelli hanno partecipato all’iniziativa inserita tra gli eventi della Settimana Unesco per la Sostenibilità.
Abbiamo camminato lungo campi e calli di Cannaregio, ci siamo tuffati in parchi e giardini sorprendenti, con piante maestose e cespugli curiosi, abbiamo dedicato la nostra attenzione anche a piccole piante spontanee su rive e muri e abbiamo parlato del loro utilizzo. “L’albero della morte” (Tasso)  ci ha fatto rabbrividire, mentre altre piante ci hanno colpito per le loro proprietà benefiche, come il Ginko, la piccola Salicornia, o l’erba vetriola (Parietaria).
Dopo il tramonto, nella umida ma pur sempre magica atmosfera veneziana ci siamo salutati con simpatia.

2015-01-22T15:30:53+00:00