Spettacolo imperdibile il 13 e 14 novembre quando in cielo splenderà una Superluna!
Tutti a testa in su, dunque, per farsi ammaliare dalla più vicina, la più grande e la più luminosa luna dal lontano 26 gennaio 1948. Anche perché, per poter assistere a un altro episodio simile dovremo attendere altri 18 anni, cioè fino al 25 novembre 2034.
Il nostro satellite sarà alla sua minima distanza dalla Terra (perigeo), alle 12.23 ora italiana, e raggiungerà la fase di luna piena esattamente alle ore 14.52. Noi vedremo la magica sfera quando calerà la notte di domenica 13 e lunedì 14 novembre.

E allora inizia subito a cercare e riserva un posto in prima fila per questo evento nel cielo.

  1. Riva delle Zattere
    La fondamenta delle ‘Zattere’ si trova nel sestiere di Dorsoduro, essendo esposta a sud, durante le giornate invernali e quelle primaverili, è molto frequentata da chi desidera passeggiare al sole oppure prendere la prima tintarella stagionale.
    Per raggiungerla: a piedi in 14 minuti da Piazzale Roma oppure linee 5,1 e 2 del trasporto pubblico.
  2. Isola della Giudecca
    L’isola della Giudecca è una delle zone residenziali più note di Venezia. Con la famosa chiesa del Redentore, questa sottile e lunga isola, separata e al contempo parte del centro storico veneziano, emana un fascino del tutto particolare. Dalla Giudecca puoi ammirare scorci e paesaggi della laguna e di Venezia da una prospettiva del tutto originale. Per raggiungerla: linee 2, 4.1, 4.2 del trasporto pubblico.
  3. Pineta Sant’Elena
    La Pineta di Sant’Elena, situata nell’isola omonima, offre un’incantevole passeggiata in mezzo agli alberi e in riva al bacino di San Marco, fino ai Giardini della Biennale,
    concedendo una vista fantastica sulla laguna e le sue piccole isole. Per raggiungerla: a piedi in 45 minuti da Piazzale Roma, oppure con le linee 1, 6, 4.1, 4.2, 5.1, 5.2 del trasporto pubblico.
  4. Diga di Sottomarina
    La diga di Sottomarina costruita negli anni Trenta del Novecento, costeggia la spiaggia e raggiunge il faro alla bocca di Porto di Chioggia. Una passeggiata su questa linea di frontiera fra terra e acqua, ti fa sognare.
    Lo splendido panorama naturale del mare e dei suoi giochi d’acqua e di luce ti avvolge.
    Per raggiungerla: a piedi dalla spiaggia di Sottomarina.
  5. Spiaggia di Sant’Erasmo
    Sant’Erasmo, chiamata anche l’ “orto di Venezia”, fin dai tempi della Serenissima era l’isola che riforniva di verdura, frutta e vino la città di Venezia. Anche oggi mantiene la sua vocazione agricola e molti dei suoi abitanti portano avanti le antiche tradizioni. A Sant’Erasmo è interessante visitare anche i diversi ambienti naturali che la contraddistinguono come la secca del Bacàn, davanti alla bocca di porto di Lido, nota per i limicoli che la frequentano. Per raggiungerla: linea 13 da Fondamenta Nuove a Venezia o Treporti del trasporto pubblico.

E tu, dove vai a vedere la Superluna?