Ogni anno Venezia richiama milioni di visitatori attratti da eventi di risonanza mondiale. Tra questi la Festa della Sensa è ancora uno degli eventi più importanti ma forse meno conosciuto dai turisti.
La Festa della Sensa più di ogni altro appuntamento fa rivivere la millenaria storia della Serenissima e il suo intimo rapporto con il Mare e con la pratica della Voga alla Veneta.

Leggi di più su questo sport tipico di Venezia e sulla nostra passione per la voga: leggi qui

La Festa della Sensa (Festa dell’Ascensione) era una festività della Repubblica di Venezia in occasione del giorno dell’Ascensione di Cristo (in dialetto veneziano Sensa). La festa commemorava due eventi importanti. Uno era quello del 9 maggio dell’anno 1000 quando il doge Pietro II Orseolo soccorse le popolazioni della Dalmazia minacciate dagli Slavi segnando l’inizio dell’espansione veneta nell’Adriatico. Il secondo evento è collegato all’anno 1177 quando Papa Alessandro III e l’imperatore Federico Barbarossa stipularono a Venezia l’importante trattato di pace tra Papato e Impero. In occasione di questa Festa della Sensa si svolgeva il rito dello Sposalizio del Mare con un rito propiziatorio: il Doge, una volta raggiunta la Bocca di Porto, lanciava nelle acque un anello d’oro.

Al giorno d’oggi si svolge un corteo acqueo da San Marco al Lido composto da imbarcazioni tradizionali a remi alla cui testa c’è la Serenissima, imbarcazione sui cui prendono posto il sindaco e le altre autorità cittadine. Tutt’oggi è previsto il lancio in acqua di un simbolico anello.

Info sul programma: qui

In più, Domenica 28 Maggio si terrà presso l’isola della Certosa la premiazione della Regata delle Schie e delle Maciarele, organizzata dal Coordinamento delle Associazioni delle Remiere.